Giro del Monviso – 7 giorni

/Giro del Monviso – 7 giorni
Giro del Monviso – 7 giorni 2017-07-27T22:53:28+00:00

Giro + ascensione del Monviso (facoltativa) – Questo trekking di sette giorni parte dell’alta val Varaita, dal bosco di pino cembro più esteso delle alpi, l’Alevèe, e che nella prima tappa sconfina nel territorio, nonchè parco, francese del Queyras dove si soggiorna nel moderno e funzionale rifugio Du Visò.
Nei due giorni successivi, rientrati in Italia, ci si immerge nella val Pellice, nei ricordi della storia valdese e nei bellissimi paesaggi montani come quello della conca glaciale del Prà, le tappe sono ai rifugi Jervis e Barbara. Il viaggio continua verso il rifugio Giacoletti sul colle Losas, sconfinando così nell’alta val Po, passando dal Buco di Viso, primo traforo alpino.
Il viaggio continua lungo il versante nord-est del Monviso, nella bellezza dei laghi alpini fino ad arrivare alla cima del Viso Mozzo e al rifugio Quintino Sella. Il sesto giorno, verificate tutte le condizioni meteo e di percorso da parte (Consigliamo di affidarsi alle Guide Alpine), si intraprenderà la lunga e impegnativa (2-3 grado) salita alla punta Trieste, vertice del Monviso a quota 3841 m.
L’ultima tappa del Giro del Monviso di sette giorni è quella di rientro a Pontechianale passando per i passi di Gallarino e San Chiaffredo e l’ultima immersione nel bosco dell’Alevèe.

Questa idea di trekking prevede l’ascensione del Monviso, che rimane in ogni caso facoltativa e non vincolante al completamento del giro.
La presenza di vari rifugi nel percorso, facilita la scelta dei tempi e modi di percorrenza, agevolata anche da un calendario di partenze con guide naturalistiche.

Primo Giorno: da Castello di Pontechianale al rifugio Visò per il passo di Vallanta
Dislivello in salita: 1200 m.
Dislivello in discesa: 350 m.
Tempo di percorrenza: ore 5

Secondo Giorno: dal rifugio Visò al rifugio Jervis, per il Col Seliere
Dislivello in salita: 400 m.
Dislivello in discesa: 1100 m.
Tempo di percorrenza: ore 5

Terzo Giorno: dal rifugio Jervis al rifugio Barbara, per il Colle Barant
Dislivello in salita: 670 m.
Dislivello in discesa: 650 m.
Tempo di percorrenza: ore 4

Quarto Giorno: dal rifugio Barbara al rifugio Giacoletti per il Colle Armoine e il “Sentiero del Postino”
Dislivello in salita: 1350 m (350 m + 950 m) + 400 m dal Buco di Viso e Traversette.
Dislivello complessivo in discesa: 300 m + 400 m per il Buco di Viso e il Colle delle Traversette
Tempo di percorrenza: 5 ore e 30 + 2 ore e 30 per il Buco di Viso e Traversette.

Quinto Giorno: dal rifugio Giacoletti al rifugio Quintino Sella, passando per il lago Chiaretto e il colle di Viso
Dislivello in salita: 400 m.
Dislivello in discesa: 500 m.
Tempo di percorrenza: 4 ore

Sesto giorno: mattina ascensione sul Monviso, via normale (per chi non vuole fare l’ascensione è possibile fare un percorso alternativo o prendersi una giornata di riposo o affrontare direttamente l’ultima tappa.)
La salita normale del Viso è considerata facile (2-3 grado) in condizioni di percorso estive ma, in caso di neve, è necessaria una preparazione tecnica di arrampicata su terreno misto con uso di picozza, ramponi e manovre di corda, per questo è molto consigliato affidarsi ad una guida alpina che, valutate le condizioni meteo, di percorso e la fattibilità della salita e vi accompagnerà in cima al Re di Pietra.
Dislivello in salita: 1200 m.
Dislivello in discesa: 1200 m.
Tempo di percorrenza: 8 -10 ore

Settimo giorno: dal rifugio Quintino Sella a Castello di Pontechianale, passando per i passi Gallarino e San Chiaffredo
Dislivello in salita: 150 m.
Dislivello in discesa: 1150 m.
Tempo di percorrenza: ore 5

E’ consigliabile prenotare in anticipo i pernottamenti nei rifugi e verificare con i gestori le condizioni del percorso, considerando che a inizio stagione tratti del sentiero in quota possono essere ancora coperti di neve.

GiroMonviso, viaggia con noi