Ciaspolata in val Maira sui sentieri degli antichi mestieri

Ciaspolata in val Maira sui sentieri degli antichi mestieri

cosa # ESCURSIONE DIURNA CON LE RACCHETTE DA NEVE CON ACCOMPAGNATORE NATURALISTICO
dove # VALLE MAIRA
quando # VERIFICA DATE IN CALENDARIO, RITROVO ORE 9,00
chi # ESCURSIONE ADATTA A BUONI CAMMINATORI (DISLIVELLO +/- 600 M, TEMPO +/- H 5)
costo # 15 EURO ADULTI, 10 BAMBINI SOLO ACCOMPAGNAMENTO, 30 EURO ADULTI E 20 BAMBINI CON MERENDA SINOIRA
attrezzature e abbigliamento # NOLEGGIO RACCHETTE DA NEVE – COME VESTIRSI PER LA CIASPOLATA
iscrizione # COMPRA LA CIASPOLATA ON LINE 
info # EVENTI@MONVISOPIEMONTE.COM o 3337107551

Bellissima ciaspolata in Valle Maira con percorso ad anello, sui sentieri degli antichi mestieri nel Vallone di Marmora, al cospetto della Rocca la Meja. La zona che va dal monte Buc al Monte Tibert, è oggi destinata al pascolo ed è per questo che nel corso degli anni le antiche mulattiere sono divenute vere e proprie strade percorribili in auto. Questo ovviamente per favorire gli spostamenti degli allevatori e per facilitare il trasporto dei prodotti dell’alpeggio.
Anticamente erano usate anche per spostamenti verso le valli adiacenti, per scambio di merci, lavori itineranti che venivano svolti dagli abitanti delle varie borgate sparse nelle valli.  La storia ci racconta di lavori duri e stagionali come i Cibriers, bottai, e i Bastai, sellai a cui oggi è dedicato un sentiero itinerante che collega varie borgate di Marmora. I bottai realizzavano le botti per la conservazione degli alimenti, in particolare utilizzate dagli anciuè della valle che, a fine ‘800, dopo essersi riforniti al porto di Savona, giravano d’inverno, con i carretti carichi di barattoli, le campagne di Piemonte, Lombardia ed Emilia. Il ritrovo è previsto per le ore 9,15 alla Gentil Locanda di Ponte Marmora, utile anche per un caffè o una colazione, per poi raggiungere il luogo di partenza della ciaspolata alla Chiesa Parrocchiale di Marmora (1548 m), raggiungibile in auto su comoda strada asfaltata. L’itinerario, segue per buona parte la pista forestale che si snoda in un bosco di larici supera le Grange Cros, mt.1595, antico alpeggio ristrutturato recentemente. Si prosegue quindi con una serie di tornanti fino al bivio a quota 1783 mt, qui svoltando a sinistra raggiungeremo prima S. Teodoro e poi il Colle a quota 2065, tra la Costa Chiggia e il Monte Buch (2110 m). Dal Colle seguendo il filo di cresta molto ampio, raggiungiamo senza difficoltà la vetta della Costa Chiggia ottimo punto panoramico sulle valli circostanti (2155 m). Il ritorno è previsto ad anello percorrendo verso sud il costone per poi ridiscendere gli ampi pascoli e lungo la strada che proviene dal colle Intersile.
Il tempo previsto per l’intero anello, è di circa 5 A/R,  la ciaspolata non presenta difficoltà alcuna, è adatta a buoni camminatori. Al rientro, per chi vorrà fermarsi (lo segnali al momento della prenotazione) saremo a gustare una tipica merenda sinoira alla Gentil Locanda.
N.B.: L’escursione si effettuerà anche con neve scarsa o assente e con eventuale nevicata in corso, salvo condizioni meteo ritenute inadatte. Il tracciato proposto non presenta pericolo valanghe.

Per essere sempre aggiornato, alla newsletters (box a destra) o seguici su Facebook

2017-02-25T09:03:42+00:00

Scrivi un commento